Vacanze in Sardegna: le cose da non perdere sull’isola

La Sardegna è sempre stata una delle mete più gettonate dal turismo italiano. Come suggerisce il sito https://mediterraneotraghetti.it, leader nella prenotazione di navi e traghetti verso le isole del Mediterraneo, l'isola è ricca di storia e di spiagge bianchissime, dai panorami mozzafiato offre molteplici attrazioni a coloro che la visitano. Per i meno informati questa isola non è solo spiagge ma nasconde molto di più e qui di seguito elenchiamo tutto quello che assolutamente non potete perdere.

Trekking ed escursioni

Per gli amanti delle lunghe camminate per esempio non si possono non vedere le Grotte di Nettuno. Queste grotte a picco sul mare e si raggiungono anche via terra attraverso una lunga scalinata Escala del Cabirol. Dopo più di 650 scalini si può godere di uno spettacolo surreale tra stalattiti, stalagmiti e lunghe gallerie circondate dalle acque del Lago di Lamarmora, il lago salato più grande d'Europa.
Per chi non lo sapesse la Sardegna è piena di borghi medievali, quali Santa Teresa di Gallura, Ulassai e alcuni piccoli scorci di Atzara risalgono ad epoche antiche. Sarete affascinati mentre camminerete tra le loro strade che pullulano di storia e tradizioni. Ed è un peccato non conoscerle e farsele scappare.

Tra le tante bellezze del passato troviamo anche il villaggio archeologico nuragico di Barumini. Nella provincia di Medio Campidano sorge un complesso nuragico, testimonianza di un popolo millenario che via ha vissuto. Questo villaggio,costituito da capanne,circonda una maestosa e suggestiva torre difensiva Su Nuraxi tutta da scoprire. Non a caso è stato inserito nella lista dei Beni Unesco dal 1997.
Per gli amanti del trekking invece uno dei più famosi percorsi da provare è quello di Chia, Dal borgo Pinus Village si snodano sentieri e paesaggi mozzafiato fino ad arrivare alla spiaggia Su Portu ai piedi della Torre spagnola di Chia costruita nel 1600.

Immersi nella natura

Per chi decide di visitare questa regione italiana c'è l'imbarazzo della scelta. Tra mare e terra si possono svolgere tante di quelle attività che la vacanza volerà in un attimo. La natura ancora incontaminata di alcuni tratti permette di godere di bellezze favolose. Basti pensare al Parco Nazionale della Maddalena. Una vasta area situata a nord est della Sardegna costituita da tante piccole isole e rocce e ricca di fiorente vegetazione e molte specie animali come capodogli e tartarughe. Si possono prenotare gite in barca o in catamarano e lezioni di snorkeling.

In particolare nel Golfo degli Aranci, accompagnati da un istruttore esperto, è possibile contemplare i fondali marini e osservare la bellezza e l'eleganza dei delfini. Ma non solo, il territorio è ricco di stagni e specchi d'acqua dove vivono esemplari di uccelli rari tutti da scoprire. Per gli amanti del birdwatching assolutamente da non perdere nel loro ambiente sono i fenicotteri con le zampe lunghissime e le piume dall'iconico color rosa.

Spiagge bellissime

Se tutti questi motivi non vi hanno ancora convinto a visitare la Sardegna, non potete perdervi le stupende spiagge per le quali questa isola è famosa in tutto il mondo. Eccone alcune:
Stintino
Tra le più belle e rinomate spiagge davanti all'isola dell'Asinara c'è La Pelosa. Con le sue acque cristalline e la sabbia bianchissima vi sembrerà di prendere il sole in un isola tropicale.
Non a caso è una delle mete più richieste.
La Maddalena
Nella parte sud potrete invece nell'isola di Budelli visitare la Spiaggia Rosa chiamata così per il suggestivo colore che assume la sabbia. Accessibile solamente via mare approfittando di un bel giro in barca.
San Teodoro
Nella zona di Capo Coda Cavallo trovate invece la cosiddetta Thaiti sarda , la spiaggia Cala Brandinchi. Le sue acque turchesi, bellissime e non particolarmente alte contrastano con il colore bianchissimo della sabbia fine.
Fa da cornice a questo meraviglioso quadro una folta vegetazione selvatica di pini e gigli.

Delizie per il palato

Nella scoperta di una terra così poliedrica però non può mancare l'aspetto gastronomico. La cultura culinaria così come le tante bellezze naturali presenti è tutta da scoprire ma soprattutto da assaporare. Non si può visitare la Sardegna e non assaggiare il tipico pane carasau in tutte le sue varianti e ricette. Girare tra le trattorie e i ristoranti dei piccoli borghi e assaporare i culurgiones , ravioli sardi conditi nei modi più svariati e coloriti o le seadas ripieni di un gustoso pecorino locale.
Insomma questa isola può soddisfare tutti i gusti e anche tutti i palati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi